.
Annunci online

Zadig


Diario


12 febbraio 2008

La campagna elettorale inizia con l'attacco alla 194

Roberto Calderoli, agli inizi di gennaio, si mostrò interessato a «rivedere la legge 194» ma volle precisare che la cosa si doveva fare «successivamente, non ora, non con questo questo governo, non con questa maggioranza, che hanno già ampiamente dimostrato di non voler tutelare la vita e la famiglia». La macchietta leghista, con molto acume tattico, indicava la strada per portare a compimento la nuova crociata lanciata dal trio Ruini, Ferrara, Bondi.  La "Lista per la Vita" di Giuliano Ferrara si inserisce perfettamente nel solco tracciato da Calderoli. Dopo l'annuncio della discesa in campo del teocon-laico, Berlusconi, come da copione, ha rilanciato immediatamente: «credo che riconoscere il diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale sia un principio che l'Onu potrebbe fare proprio, così come ha fatto sulla moratoria per la pena di morte pur dopo un lungo e non facile dibattito ». Di fronte a questo quadro, in cui si sentono perfettamente a loro agio i vari Pezzotta, Mastella e Casini, non si perderanno nel vento le parole del Presidente della CEI. Bagnasco rispondendo ad una domanda sulla Binetti, dopo aver parlato contro divorzio, PACS e 194, ha ricordato che sui «temi moralmente più impegnativi non valgono i vincoli esterni di mandato». Chi è chimato a scegliere i prossimi candidati del PD è avvertito. Sono certo che la Binetti nel prossimo parlamento sosterrebbe con il suo voto le posizioni di Ferrara, così come ha sostenuto il documento dei medici cattolici, che a gli occhi esperti e sensibili di Umberto Veronesi è apparso, quanto meno, una sciocchezza. Del resto proprio la Binetti si era detta pronta a votare la mozione Bondi nonostante la netta contrarietà del PD. Allora sarebbe opportuno che Binetti e soci non trovassero posto nelle prossime liste dei Democratici. Un PD che decide di correre da solo per non trovarsi paralizzato da veti e defezioni di alleati più o meno riottosi, non può permettersi di eleggere al Parlamento personaggi che, su temi importanti come la difesa della legge 194, finirebbero per portare acqua (e qualcosa di più) allo schieramento avversario. Su questi argomenti occorre chiarezza da parte di tutte le forze politiche, come ha ben evidenziato Silvana Mura, deputata di Italia dei Valori. A proposito: l'alleanza tra PD e partito di Di Pietro non sarebbe, secondo me, in contraddizione con la scelta di presentarsi da soli, anzi. L'innegabile comunanza di valori tra le due forze politiche può diventare il cemento per un patto programmatico in grado di rafforzare l'azione del PD e di tutti coloro che si pongono in alternativa allo strapotere, stavolta anche antiabortista, del giocoliere di Arcore. 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cei pd bagnasco ferrara binetti legge 194

permalink | inviato da Zadig il 12/2/2008 alle 15:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6  >>   marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Nani, trote e ballerine
ImmaginAzione
Il Pastore tedesco
Terre senza Pace
Zadig Video
Sinistra e dintorni
Viola d'amore
Recensioni
Sottotraccia
Per non dimenticare
Il Bel Paese
Salario precario
Ambiente

VAI A VEDERE


zadig

Welcome

Avviso ai Naviganti I commenti sono sempre graditi, qualunque sia il loro contenuto, purche' attinente all'argomento del post. Ogni visitatore si assume personalmente la responsabilità di ciò che scrive. Saranno cestinati i commenti anonimi, quelli non pertinenti ed i commenti che contengono ingiurie o spam.

 

Grazie a Ugo Furlan per la Colomba

 

 
 
 

Due post a cui tengo

Blog Friends

 

 

 

 

Zadig non è una testata giornalistica ed il suo aggiornamento non avviene a cadenze regolari. Zadig non è un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Il contenuto dei post può essere riprodotto senza limitazioni per scopi non commerciali, purchè se ne citi la fonte. Nel caso di pubblicazione su altri blog o siti web è gradito un link al post originale. Immagini, filmati e i brani musicali presenti su questo blog (quando non appartengono all'autore) appaiono tramite link agli oggetti originali. Le fonti sono sempre citate. Se il loro uso viola i diritti d'autore siete pregati di comunicarlo e provvederò alla rimozione.

 

CERCA